Torta Pasqualina

La Torta Pasqualina è una ricetta ligure. Tra i suoi ingredienti troviamo infatti la maggiorana, che è un classico della cucina regionale. La ricetta che vi proponiamo in questa pagina è la classica Torta Pasqualina realizzata con un ripieno a base di bietole. Da non confondersi con la Torta Ligure che invece ha il ripieno di carciofi.

01_torta_pasqualina

Le bellissime foto di questa pagina sono di Elisa, che ha preparato per noi la Torta Pasqualina con una base di pasta brisee già pronta, farcita con un ripieno di ricotta, bietole fresche, uova, parmigiano, maggiorana e prezzemolo, più 5 uova intere per l’effetto uova sode della torta.

02_torta_pasqualina

Questi sono gli ingredienti che ha utilizzato:

– 2 rotoli di pasta brisee tonda già pronta (oppure 2 rotoli di pasta sfoglia)
– 1 kg di bietoline (pesate pulite)
– 500 g di ricotta di pecora
– 7 uova (2 nel ripieno e 5 nella preparazione)
– 150-200 g di parmigiano
– odori: maggiorana, prezzemolo, sale e pepe
– olio extravergine di oliva

Preparazione:

Per la pasta, se non volete utilizzare quella “già pronta”, potete utilizzare le ricette presenti nel sito (pasta sfoglia o pasta brisée), oppure potete attenervi alla ricetta ligure integrale che esponiamo di seguito:

Impastate 450 gr di farina con acqua quanto basta (circa 200 ml) ed un pizzico di sale. Quando l’impasto avrà raggiunto la giusta compattezza ed elasticità, amalgamate 4 cucchiai di olio extravergine di oliva. Lavorate bene la pasta per circa 10 minuti, quindi riponetela a riposare sotto un tovagliolo inumidito affinché non si secchi in superficie.

A questo punto preparate il ripieno:

03_torta_pasqualina
pulite le bietole e scottatele in una pentola con l’acqua leggermente salata (le bietole sembrano tante ma diminuiranno il loro volume durante la cottura). Scolatele, strizzandole per eliminare l’acqua in eccesso, e tagliatele a pezzettini più o meno grandi in base al vostro gusto personale.

04_torta_pasqualina
Scaldate la padella con un filo di olio ed una fettina di cipolla ed insaporite per qualche minuto le bietoline.

05_torta_pasqualina
In una ciotola a parte pesate circa 500 g di ricotta di pecora

06_torta_pasqualina
Aggiungete la maggiorana, il prezzemolo un pizzico di sale ed un pizzico di pepe

07_torta_pasqualina
200 g di parmigiano grattugiato

08_torta_pasqualina
e 2 uova

09_torta_pasqualina
lavorate questo primo impasto con un cucchiaio e poi aggiungete le bietoline (se volete potete aggiungere anche un po’ di panna da cucina per rendere il ripieno più delicato).

10_torta_pasqualina

11_torta_pasqualina

12_torta_pasqualina

A questo punto il ripieno è pronto. Se avete optato per la pasta sfoglia o brisee già pronta, potete cominciare a farcirla. Srotolatela su un foglio di carta da forno e poi sistematela in uno stampo apribile a cerniera (quello della foto è di 22 cm)

13_torta_pasqualina

Se invece avete optato per la pasta sfoglia fatta in casa, procedete in questo modo:
riprendete l’impasto che avete tenuto a riposare sotto un panno inumidito. Dividete il panetto in 8 parti uguali e stendete in una sfoglia sottilissima ogni singolo panetto fino a raggiungere le dimensioni della teglia più il bordo. Fate attenzione perché mentre lavorate un pezzettino di impasto, gli altri si seccano, quindi tenete l’impasto sempre coperto. Appena pronta la prima sfoglia, stendetela nella teglia e ungete con un pennellino la superficie (con il burro o con l’olio d’oliva in base al vostro gusto personale… “colesterolo permettendo”). Di seguito tirate le altre sfoglie fino a concludere 5 strati, ungendo sempre con olio o burro tra uno strato e l’altro. Questa sarà la base della Torta Pasqualina, i 3 strati rimanenti li utilizzerete per la copertura

Sistemate per bene il ripieno di bietole e, facendo 5 piccole fossette, sgusciate le uova rimaste direttamente nella torta.

14_torta_pasqualina

15_torta_pasqualina
Coprite con il secondo strato di pasta brisee ed infine spennellate con l’olio extravergine di oliva

16_torta_pasqualina
Per la cottura calcolate circa 50-55 minuti a 190°

17_torta_pasqualina
lo stampo a cerniera vi serve per facilitare l’estrazione della torta. Appena sfornata la Torta Pasqualina è gonfia e soda. Dopo un’oretta la copertura si sgonfia e diventa friabile

18_torta_pasqualina
è buonissima sia riscaldata che consumate fredda.

19_torta_pasqualina
20_torta_pasqualina

condividi