Risotto alle fragole e toma

Un risotto in pieno contrasto, ricco di profumi, che si adatta ad ogni ricorrenza. Sembra un piatto molto femminile ma anche l’uomo più virile lo adorerà!
Ingredienti per 2 persone:

120/140 g di riso (vialone nano o carnaroli)
Brodo vegetale (carota, cipolla, sedano, sale, olio evo)
60 ml di marsala
100 g di burro
1 Scalogno
100 g di toma
50 g parmigiano
6 fragole
150 g di rucola
sale
pepe
olio evo

Procedimento:

Iniziate tritando lo scalogno, prendete poi una pentola con fondo alto e accendete il fuoco moderatamente. Metteteci 50g di burro, lo scalogno e il riso, procedete con la tostatura del riso facendo attenzione affinché non si bruci lo scalogno. Una volta tostato, versate la marsala e sfumate il tutto mescolando velocemente. Quando la marsala sarà ormai assorbita aggiungete il brodo vegetale già salato fino a coprire tutto il riso. Aggiungete ulteriore brodo quando il riso assorbe quasi tutto quello versato in precedenza. Nel frattempo frullate la rucola con sale e olio evo, poi tagliate la toma a cubetti, le fragole e grattugiate il parmigiano. Quando il riso sarà ormai cotto e asciutto spegnete il fuoco e metteteci burro, toma, parmigiano e un mestolo di brodo. Coprite e fate riposare per almeno 5 minuti. Quando il riso ha riposato abbastanza aprite il coperchio e iniziate a mantecare, quasi alla fine aggiungete le fragole e terminate di mantecare, se vi sembra troppo secco aggiungete del brodo. Impiattate decorando il piatto con il pesto di rucola e le fragole (noi le fragole le abbiamo avvolte in una cialda di parmigiano).

Consigli:

  • Un buon risotto inizia e finisce la cottura con la stessa fiamma. Mai alzarla o diminuirla durante la cottura del riso.
  • Tostatura del riso: serve a tenere la cottura del riso, una buona tostatura permette di avere un risotto adeguatamente cotto. Per vedere quando è tostato il riso basta toccarlo con le mani, se risulta troppo caldo al tatto significa che è pronto.
  • Il risotto al contrario di come si pensa non va mescolato di continuo ma ha bisogno di non essere abbandonato. Vuole essere coccolato ma non strapazzato.
Seguici per vedere più ricette e se cucini questo piatto mandaci la tua foto!
condividi