Zucchine Marinate

Fa troppo caldo per grigliare le verdure?

ecco un ottimo modo per avere sempre pronte in frigo le vostre zucchine, pronte da servire come contorno a freschi menù estivi

Affettate le zucchine sottilissime e poi conditele con aglio, limone, sale, olio e prezzemolo. Tutto qua!

se non avete il comodo attrezzo della foto seguente (direttamente dalla fornitissima cucina di Elisa), un modo alternativo per tagliare le zucchine a fettine sottili è tagliarle a rondelle (… a mo’ di salame per intenderci)

E’ importante che le fettine siano sottili perchè per ottenere un risultato ottimale, la marinatura deve riuscire a penetrare tutta la fettina. Armatevi di pazienza e precisione ed affettate a fettine sottili tutte le zucchine

Ora preparate la marinatura:

la marinatura si fa con una emulsione di olio, sale, limone ed un cucchiaio di aceto alle mele. Il tutto aromatizzato con qualche fogliolina di prezzemolo tritato fresco (l’aceto è quello della foto seguente nella ciotolina in alto a sinistra)

Tagliate anche due spicchi di aglio a fettine sottili. Non fate un trito e non tagliatelo a pezzettini perchè poi è più difficile da asportare se il vostro ospite non lo gradisce. Quello che importa è l’aroma che l’aglio trasferisce alla marinatura e quindi anche alle zucchine

disponete le fettine di zucchina allineate su un piatto, ben strette. Con un cucchiaio versate la marinatura in maniera accurata su ogni fettina e poi terminate con le fettine di aglio.

Aggiungete un secondo strato di zucchine e ripetete la marinatura. Procedete in questo modo fino ad esaurimento delle zucchine.

La preparazione è già terminata. Coprite il piatto con la pellicola per alimenti e riponetelo in frigo a riposare.

attendete almeno 6 ore di marinatura prima di servirle

è un piatto semplice ma che fa sempre la sua figura! profumato e di un bel verde brillante. Potete guarnire e decorare secondi a base di carne e di pesce.

Che vino abbinare?

vi consiglio un pregiatissimo Vesuvio Bianco DOC del vitigno Caprettone, direttamente dalle mie terre di origine

 

condividi