Yogurt fatto in casa

yogurt fatto in casa
Anche la redazione di ricettedi si è cimentata nella preparazione artigianale dello yogurt. Abbiamo preso spunto da svariati metodi, tutti più o meno simili, raccolti in internet su siti di cucina e forum, in base all’esperienza personale di persone che settimanalmente producono in casa il loro fabbisogno di yogurt per se e per la loro famiglia.

La ricetta per fare lo yogurt in casa è semplicissima: è sufficiente aggiungere un vasetto di yogurt a un litro di latte e fare fermentare il tutto ad una temperatura di 40° circa per qualche ora. Dallo yogurt che ottenete, mettete da parte un vasetto per la produzione successiva ed il resto lo consumate condito a piacere con zucchero, frutta fresca o marmellata.

Il risultato è strepitoso! Uno yogurt cremoso e delicato che potete produrre nelle versioni intero, scremato o parzialmente scremato, e che potete conservare anche fino a 10 giorni nel vostro frigorifero di casa.

La nostra ricetta per fare lo yogurt in casa, è la seguente:

1) procuratevi un vasetto di yogurt intero bianco non dolcificato. Questo sarà il vostro ultimo vasetto di yogurt comprato, quindi sceglietelo con cura. Noi della redazione abbiamo cominciato con uno yogurt intero che in etichetta dichiarava 5 fermenti lattici: lo streptococcus thermophilus, il bifidobacterium, il Lactobacillus acidophilus, il Lactobacillus casei e il Lactobacillus bulgaricus. In realtà non abbiamo nessuna conoscenza in materia di fermenti lattici, quindi lasciamo a voi la scelta dello yogurt di partenza.

yogurt fatto in casa
2) comprate un litro di latte UHT (a lunga conservazione). Sceglietelo in base alle vostre preferenze, intero (3,6% di grassi), scremato (0,1% di grassi) o parzialmente scremato (da 1% a 2% di grassi). Il risultato finale dovrebbe essere uno yogurt più corposo se utilizzate latte intero e più fluido se utilizzate latte scremato. Decidete in base alle vostre abitudini di consumo. Noi abbiamo scelto la via di mezzo e utilizziamo regolarmente il latte parzialmente scremato con ottimi risultati.

yogurt fatto in casa

3) A questo punto, se non possedete una yogurtiera come questa, dovrete ingegnarvi e trovare un metodo per mantenere il latte caldo.

yogurt fatto in casa
Questa yogurtiera è dotata di 6 vasetti da 150 g. Il suo funzionamento è molto semplice: la base si scalda leggermente con una resistenza elettrica e mantiene i vasetti a temperatura costante per le ore che si desidera.
Con la yogurtiera il procedimento per lo yogurt fatto in casa è il seguente:
diluite un vasetto di yogurt da 125 g con 1 litro di latte UHT e versate questa miscela direttamente nei vasetti di vetro.

yogurt fatto in casa
Riempite ogni vasetto fino ad un centimetro circa dall’orlo

yogurt fatto in casa
tappate per bene i vasetti e disponeteli sulla yogurtiera

yogurt fatto in casa
attaccate la spina, chiudete con l’apposito coperchio e lasciate i vasetti al caldo per 12-15 ore

yogurt fatto in casa
trascorse le ore, controllate un vasetto per verificare che lo yogurt si sia formato, e poi riponete i vasetti ancora tiepidi in frigorifero.

yogurt fatto in casa
Il vostro yogurt fatto in casa è pronto. Facile no?

yogurt fatto in casa

Se invece non avete la yogurtiera, questo è il metodo che vi consigliamo:
procuratevi una pentola di acciaio con coperchio (tipo quelle che utilizzate per fare il sugo) con una capacità di 2-3 litri. tirate fuori lo yogurt dal frigo e scaldate il latte nella pentola di acciaio. Fate scaldare il latte fino a formare una sottilissima pellicola in superficie.

Lasciate riposare il latte fino a che non raggiunge una temperatura di 40°-45° gradi circa. Tenete presente che 40° è pressoché la temperatura dell’acqua nella vasca da bagno, quindi, se non possedete un termometro per alimenti, vi consigliamo di utilizzare il vostro “dito mignolo”. Lo immergete nel latte e valutate: in sostanza dovete riuscire a tenere il dito dentro il latte senza ustionarvi, ossia appena qualche grado in più rispetto alla temperatura giusta per un bel bagno caldo.

Stemperate lo yogurt con qualche cucchiaio di latte per portarlo in maniera graduale quasi alla stessa temperatura di quest’ultimo. Unite lo yogurt al latte e mescolate per amalgamare bene il tutto.

A questo punto, per mantenere la temperatura del latte costante, lasciamo spazio alla vostra inventiva. Ciò che differenzia tra loro le diverse ricette di yogurt casalingo, è il modo con il quale si cerca di mantenere una temperatura di 40° circa per le ore sufficienti a fare fermentare il latte. I metodi sono tra i più disparati: c’è chi ha sperimentato con successo un lampadina accesa posta su un piatto sul fondo del forno di casa; c’è chi fa fermentare riponendo il recipiente sul camino di casa; c’è chi utilizza il forno elettrico di casa accendendolo ogni mezz’ora per 2-3 minuti; c’è chi utilizza una pentola di terracotta avvolta in coperte e panni per mantenerne il calore più a lungo possibile; eccetera, eccetera, eccetera…
Noi utilizziamo questo metodo con ottimi risultati: avvolgiamo la pentola di acciaio in un panno spesso, la introduciamo in un sacchetto termico (tipo quello che danno nei supermercati per l’acquisto di prodotti surgelati), avvolgiamo il tutto in una coperta o in un piumino, e lasciamo fermentare per 8 ore circa. In genere prepariamo lo yogurt il sabato, la mattina facciamo scaldare il latte verso le 9,00, verso le 9,30-10,00 lo riponiamo a fermentare e alle 6,00 del pomeriggio è pronto.
La yogurtiera molto semplice a vasetti, che vi abbiamo mostrato sopra, e che sfrutta proprio questo procedimento di base, potete portarla a casa con pochi euro di investimento.

se avete seguito il nostro procedimento a questo punto dovreste avere ottenuto un composto dalla consistenza solida. Se in superficie si è formato liquido di condensa, asportatelo delicatamente con un cucchiaio, quindi potete mescolare per amalgamare per bene e per renderlo cremoso.

Conclusioni: con la yogurtiera andate sul sicuro ed il risultato che ottenete e sempre uguale. Con il metodo della pentola di acciaio, ottenete uno yogurt diverso, dalla consistenza più fluida.

Ricordatevi di tenere da parte un vasetto di yogurt per la produzione della settimana successiva e dolcificate il resto in base ai vostri gusti personali. Un cucchiaino di zucchero per vasetto è più che sufficiente. Ogni mattina poi potete aggiungerci frutta fresca a pezzi o frullata, miele, muesli, riso soffiato, cornflakes …
Potete utilizzarlo per preparare gustosi dessert come la crema alle mele
Oppure come ingrediente per torte come la Torta di frutta allo yogurt o la classica Torta con le pere
o infine per la buonissima mousse allo yogurt

mousse allo yogurt

condividi