Frittata di Cipolle

Questo non è un piatto per palati “vergini”.

Di solito la frittata di cipolle si comincia ad apprezzarla in età adulta.

quando l’alito profumato non ha più l’importanza fondamentale di un tempo; e quando le gioie della vita cominciano a spostarsi dalla zona notte … alla zona cucina

Dopo i 40 anni dunque si decide di assaggiarla (magari preparata dalla nonna), ma è dopo i 50 anni che si comincia ad amarla veramente.

Quindi, se siete finiti su questa pagina, attratti in maniera irresistibile da questa foto, rassegnatevi al fatto che avete già la vostra bella età!

La cipolla ha un sapore forte, dolce-acidulo, ma che si abbina alla perfezione alla frittata di uova al parmigiano o al pecorino.

In questa pagina ve la presentiamo nella doppia versione:

la classica frittata di cipolle

impreziosita con qualche goccia di Aceto Balsamico di Modena direttamente dall’acetaia di Luigi

e nella versione: frittata di cipolle e piselli

Il procedimento è a prova di principiante. Dalle mie parti, di quelli che non sanno fare niente in cucina si dice: “non sa neanche fare una frittata!”

Se siete a questi livelli allora vi do una rinfrescata. Prima si appassisce la cipolla in padella con una noce di burro o con un filo di olio, e poi si versano dentro le uova sbattute con un pizzico di sale ed un cucchiaio di parmigiano per ogni uovo


Si fa rapprendere da un lato e poi si gira per farla dorare anche dall’altro lato

Se volete spezzare un po’ il sapore delle cipolle potete aggiungere una manciata di piselli ed il procedimento è identico

 




condividi