Gnocco fritto

– Ricetta Emiliana –

Lo gnocco fritto, detto anche crescente, non è altro che pasta di pane fritta. Tipica ricetta emiliana, è servito solitamente in combinazione con le tigelle, accompagnato da affettati misti, lardo e parmigiano.

Ottimo anche come dolce con crema di cioccolato spalmabile o marmellata.

Ingredienti per 500 gr. di farina:

30 gr. di burro oppure 2 cucchiai da minestra di olio d’oliva
1/4 di litro di acqua e latte mescolati insieme in pari dose (più latte si aggiunge e più l’impasto viene morbido. Se piace più croccante naturalmente è bene non eccedere con il latte) con 5 gr di bicarbonato (altrimenti è possibile utilizzare l’acqua minerale frizzante).
sale
olio per friggere

Preparazione:

Setacciate la farina a fontana sul tavolo e al centro mettete l’olio, l’acqua ed il latte tiepidi, il bicarbonato, e sale a piacere.

Lavorate bene l’impasto fino a formare una palla morbida ed omogenea che farete riposare per almeno mezz’ora.

Con il mattarello tirate una sfoglia molto sottile e con la rotella taglia-pasta fatte i pezzi di gnocco della grandezza che preferite.

Immergete nell’olio bollente pochi pezzi alla volta e scolateli non appena saranno dorati e croccanti. L’impasto si gonfia e cuoce in brevissimo tempo.

A piacere è possibile riporre un po’ di parmiggiano grattugiato sulla pasta prima di friggerla, quindi richiuderla su stessa premendo leggermente i lembi, ed ottenere così mini calzoncini fritti al gusto di parmigiano.

Su alcune riviste di cucina la ricetta prevede anche 1 cubetto di lievito di birra fresco per ogni 500 gr. di farina. In questo caso dovrete far lievitare l’impasto per almeno un’ora e mezza. La ricetta originale Emiliana è senza lievito, ma il consiglio di Ricettedi è di provare tutte e due le preparazioni e scegliere quella che riscuote il maggior gradimento in famiglia.

condividi